TIME FLYS, il punk dopo il punk

THE TIME FLYS “Rebels of Babylon”
(Birdman/Goodfellas)

Time Flys “Rebels of Babylon”Negli ultimi 25 anni ci hanno provato in molti a ricreare il sound sbrindellato del primo punk. Mi riferisco al sound che prendeva le mosse dal r’n’r striato glam di New York Dolls e dall’ingenua violenza dei Ramones. Il risultato è stato un ammasso di cloni dei cloni. Poco più di un anno fa i californiani Time Flys se ne sono usciti con un esordio, Fly, che era il tipico fulmine a ciel sereno. Oggi quel fulmine si è tramutato nell’arcobaleno Rebels of Babylon. Ovvero 13 pezzi percorsi da un’elettrizzante “incapacità” giovanile al servizio del proto punk basico di scuola newyorkese (Reality is a Rock Band, Down on History) e dei fuochi power pop di Flamin’ Groovies e Real Kids e (Lil’ L.A., Romance + Violence). Nell’adorabile zibaldone spunta Stoner Rock, una favolosa hit per chi è fiero di essere un perdente e rimanere ai margini. Questo è il punk del nuovo millennio, non perdetelo per nulla al mondo.

Seppur fresco di stampa, il nuovo full length dei Time Flys si candida ad essere uno dei dischi che finirà dritto nella mia playlist dell’anno. Ascoltatevi il power pop trasfigurato di Zodiac Killer’s Son e poi mi dite. La recensione che avete appena letto è tratta da Sonic # 5 di febbraio-marzo 2007, ancora per un po’ in edicola.

Condividi sui social network