The wild old year!

THE WILD WEEK-END
Orrendo Rock
(Nicotine)

TheWildWeek-End_OrrendoRockSbaglia chi sostiene strenuamente che il punk dei settanta sia morto e sepolto. Certo arranca, a volte non si regge neanche in piedi, spesso è una triste parodia di ciò che fu. Ma poi succede che escono dei dischi spaccaculo e non rimane che registrare la vitalità di un genere di cui si parla quasi sempre a sproposito. Orrendo rock appartiene a questa schiera di album che tengono in vita il ’77, non per niente il trio campano si è scelto un nome che va dritto ai Ramones messicani, The Zeros. Tredici pezzi dal peso specifico immenso con punte commoventi (Be A Policemen, You Need To Rock), capaci di far sanguinare le orecchie ma anche il cuore. La chitarra di Wild JP è un vulcano in piena eruzione, il suono nel suo insieme ha la compattezza di un blocco di granito che vola giù da un grattacielo della Grande Mela. Una mezz’ora devastante per tenere a mente che i bravi ragazzi non suonano r’n’r, come urlano i Wild Week-End nell’ultima traccia.

Da codesta recensione pubblicata su RUMORE #178 di novembre 2006 si sarà capito che Orrendo Rock dei Wild Week-End è uno dei miei dischi punk’n’roll preferiti del deludente 2006.