I (MIEI) MIGLIORI ALBUM DEL 2018

Un anno interessante il 2018 per il rock and roll bizzarro. Ecco le mie preferenze in ordine alfabetico. Di certo mancano molti album meritevoli di attenzione. Pazienza. Di diversi album ho scritto nel corso dell’anno su Rumore.

I PRIMI 20

BORZOIA Prayer For War (12XU): “Qualcuno ha scritto che sprigionano un’agile pesantezza. Vero. I tre di Austin sono nervosi e metallici come le band più geniali e rognose della Ampethamine Reptile.” (Rumore, dicembre 2018)
BRONCHOBad Behavior (Park The Van): “Quello a cui si assiste è un incontro ravvicinato del terzo tipo tra pop, psichedelica e glam extraterrestre, che si sfidano sui terreni accidentati della religione, del peccato e del vizio.” (Rumore, dicembre 2018)
BUTTERTONES  – Midnight in a Moonless Dream (Innovative Leisure): “Alla prova del quarto album mollano westernismi e spiagge assolate della West Coast per abbordare un sound più maturo e noir che odora di Scientists e Gun Club, ma teletrasportati al tempo dei Tame Impala.” (Rumore, settembre 2018)
THE CAVEMENNuke Earth (Slovenly): “I Cavemen fremono, sbraitano, ringhiano, viaggiano sollevati 20 centimetri da terra morsicati dalla tarantola dell’urgenza.” (Rumore aprile 2018)
COLOR TVColor TV (Deranged)
CUORE MATTOBaci ad Occhi Aperti (Autoproduzione): “Il suono è siderurgico, minaccioso, di una pienezza impressionante… la voce urlata, sguaiata, catarrosa, è sempre presente…” (Rumore, novembre 2018)
FERRO SOLOAlmost Mine: The Unexpected Rise and Sudden Demise of Fernando (Riff/Fernando/Area Pirata/Deambula): “Un concept r’n’r che, come quei libri antichi di un certo valore (affettivo e non solo), vanno tenuti in bella mostra nella credenza buona per vantarsene con i conoscenti.” (Manwell.it, 2 dicembre 2018)
GEE TEE  – Gee Tee (Goodbye Boozy): “Gee Tee è Kel Mason, folletto del weird garage odierno che, per non saper né leggere né scrivere, ha fatto sua la lezione di Brian Eno per poi imbastardirla con l’ultimo, oscuro gruppo delle compilation Killed by Death.” (Rumore, luglio-agosto 2018)
THE GOON SAXWe’re Not Talking (Chapter Music/Wichita): “A dispetto della copertina imbarazzante, il secondo album dei ventenni di Brisbane è un gioiellino guitar pop che trae forza da un’elementarità spavalda e dalla miracolosa funzionalità delle tre voci.” (Rumore, dicembre 2018)
IDLESJoy As An Act Of Resistance (Partisan)
LAMEAlone and Alright (Alien Snatch!): “Di cosa parliamo quando parliamo di rock and roll? Sovente ci soffermiamo su piccoli particolari, sensazioni, minutaglie a buon mercato. Che hanno il loro peso ma in fondo sono marginali. Qui si può, anzi si deve, parlare di canzoni: spesso sorrette da struggenti chitarre acustiche e melodie a rilascio lento che illuminano i sentieri pericolanti del garage, del blues, del post punk.” (Rumore, giugno 2018)
LOVESPOONCheapfuck (Heyman!): “Alt garage folk permeato da r’n’r e power pop azzurro mare, di lignaggio Big Star, su cui colano gocce di rugiada psichedelica.” (Rumore, aprile 2018)
OBNOXTemplo Del Sonido (Monofonus Press/Astral Spirits): “Il nostro uomo dell’Ohio accatasta hip-hop, noise rock, free jazz, psichedelica di riporto, schegge experimental e Cleveland punk (un mix di Pagans e Pere Ubu) finendo per plasmare il suono dell’Armageddon.” (Rumore, novembre 2018)
PARQUET COURTSWide Awake (Rough Trade)
RIK & THE PIGSA Child’s Gator (Total Punk): “Rik e compagni rimescolano vecchie carte e le buttano sul tavolo facendole tornare nuove. Attitudine hardcore e classicità rock and roll con gli ormoni impazziti delle NY Dolls e la zazzera di Andy Shernoff e Handsome Dick Manitoba.” (Rumore, maggio 2018)
STRAIGHT ARROWSOn Top! (Rice Is Nice/Agitated): “Dentro On Top! c’è il garage rock più vecchio possibile nella forma e nella sostanza più moderne possibili. Con una mirabolante capriola temporale i Sixties sbarcano come alieni arrapati negli anni ’10 del nuovo secolo…” (Rumore, gennaio 2019)
THE SUEVESR.I.P. Clearance Event (HoZac): “Nervi tesi, soul oscuro, groove contorto, nichilismo, mosche da bar, fratture del garage punk scomposto della Chicago di ieri e di oggi… un gruppo enorme nella sua completa perifericità rispetto a ciò che gira oggi.” (Rumore, luglio-agosto 2018)
TRANS UPPER EGYPTTUE (No=Fi Recordings/My Own Private): “Rispetto ai precedenti album ed EP i Trans Upper Egypt oggi sono più controllati, non si lanciano senza paracadute, puntano dritti verso la forma canzone.” (Rumore, ottobre 2018)
TROPICAL FUCK STORM  – A Laughing Death In Meatspace (Tropical Fuck Storm/Mistletone/Joyful Noise Recordings)
VIAGRA BOYS  – Street Worms (Year0001)

ALTRI 21

ART BRUT Wham! Bang! Pow! Let’s Rock Out (Alcopop! Records)
BAD PELICANSBest Of (Stolen Body): “Partono a cazzo e finiscono a razzo: scusate il francesismo ma questi sono pure parigini… Citazionismo a go-go e personalità strabordante.” (Rumore, giugno 2018)
BETA BOYSLate Night Acts (Feel It/Erste Theke Tonträger): “Se penso ai Germs la mente corre ai Beta Boys… Rispetto al passato la cifra stilistica della band è più personale, meno hc e più scuzz r’n’r delle catacombe.” (Rumore, novembre 2018)
BOOTCHY TEMPLEGlimpses (Howlin’ Banana/Azbin/Hellzapoppin): “Con la consueta naturalezza twee pop il quintetto tira su la colonna sonora della quiete di una campagna bagnata da pioggerellina malinconica.” (Rumore, dicembre 2018)
THE BRADIPOS IVLost Waves (Area Pirata): “A fare la differenza è l’anima, direi mediterranea, che s’innalza nella melodia malinconica … un’anima che scalda fino a bruciare.” (Rumore, settembre 2018)
CALCUTTAEvergreen (Bomba Dischi/Sony)
LUCIANO CHESSACanti Felice (Skank Bloc): “Chessa è un artista colto, multiforme, che non ha mai fatto mistero della passione per la canzone d’autore italiana… oggi torna sui luoghi della gioventù, riprendendo il filo del cantautorato lo-fi ridotto all’osso…” (Rumore, luglio-agosto 2018)
DIAFRAMMAL’abisso (Diaframma Records): “Non è vero che a 60 anni si entra nell’abisso della vecchiaia. E magari tra un anno e mezzo Federico Fiumani, a 60 anni, entrerà nel mito dalla porta principale.” (Rumore, dicembre 2018)
INSECURE MENInsecure Men (Fat Possum): “Bossa, lounge, paradisi tropicali, più di un riferimento alla library music italiana, soft core e non. Qui e lì si taglia con il coltello quell’adorabile nebbiolina di pop artigianale alla XTC e anche un po’ alla Blur.” (Inedito)
TH’ LOSIN STREAKSThis Band Will Self-Destruct In T-Minus (Slovenly)
PAUL JACOBS Easy (Stolen Body): “Un frappé di weird garage ed elettronica povera ma bella, armoniosa, ecumenica, confusa e felice, corretto con solenne psichedelica lo-fi…” (Rumore, gennaio 2019)
HOLIDAY INNTorbido (Maple Death/Avant!)
IDOL LIPSStreet Values (Wanda): “Street Values sguazza indomito nel brodo di coltura a cui i ciociari ci hanno abituato. La loro casa è la New York sporca e pericolosa del periodo 1973-1977. Punk’n’roll muscolare, che tende al glam più vizioso…” (Rumore, maggio 2018)
LEATHER JACUZZIThe Whole Hog (Danger): “I Leather Jacuzzi sono una carta fatta col loro punk’n’roll tozzo, corrotto dall’hc e armato di testi politicamente scorretti” (Rumore, marzo 2018)
LUPE VELÉZWeird Tales (AREA PIRATA): “Non un album bizzarro come il titolo farebbe supporre, ma un piccolo-grande disco di garage rock nell’accezione generosa del termine.” (Rumore, gennaio 2019)
MATERIAL GIRLSLeather (Exag’/Irrelevant Music): “Con approccio teatral lisergico e un groove sottopelle, mischiano tutto e di più. Dall’art punk tribale al glam, dal goth esotico al post punk.” (Rumore, settembre 2018)
MATTIELMattiel (Heavenly/Burger): “Contrasti. Come il giorno e la notte. Il vento freddo in una giornata di sole. Il deserto e le onde del mare. Screamin ‘Jay Hawkins e Stelvio Cipriani. Cher e PJ Harvey.” (Rumore, luglio-agosto 2018)
MIND SPIDERSFuries (Dirtnap)
RAVI SHAVIBlackout Deluxe (Almost Ready)
RUBY KARINTORuby Karinto (HoZac): “Sui seggiolini volanti di un vecchio luna park roteano p-funk e psichedelia tra synth cosmici, rintocchi di piano, tastierine nervose e una sezione ritmica ranxeroxiana piena d’umanità.” (Rumore, ottobre 2018)
VANITYEvening Reception (Beach Impediment): “La band di NY fiorita dalla nuova scena street hc torna a stupire con un album baciato dalla grazia power pop della Grande Stella e dal roots punk dei Saints.” (Rumore, dicembre 2018)

FUORI CLASSIFICA

AMYL AND THE SNIFFERSBig Attraction & Giddy Up (Homeless/Damaged Goods)
THE CHATS The Chats (Bubca Records): “Quindici pezzi suonati con squisita tamarragine dai tre teppistelli australiani nati da un’orgia con Mark E. Smith, John Lydon e un gruppo di canguri arboricoli della foresta pluviale di Daintree, Queensland.” (Rumore, ottobre 2018)

L’apocalisse a Venezia

DESTROY ALL GONDOLAS

Laguna di Satana

(MacinaDischi/Sonatine Produzioni/Death Crush Distro/Crampi Records/Shyrec)

Nome del gruppo e cognome – il titolo del disco – sono tutto un programma. I ragazzi veneti (de)cantano gli aspetti più sporchi e paludosi della Serenissima, vampirizzando l’hardcore per piegarlo alle logiche sconclusionate della musica surf stritolata dal thrash e dal noise. Visioni apocalittiche, violenza spasmodica ma anche tanta ironia, a mio avviso, in questo bell’ellepì nero come la pece. Un album che mi fa dire/scrivere “dal tramonto all’alga” per raccontarlo in estrema sintesi da gonzo di provincia quale sono.

I Destroy All Gondolas sono in tre, tutti con significative esperienze musicali alle spalle. Alcune delle precedenti band in cui hanno suonato Enrico, Andrea e Corrado e che ho amato sono Hormonas, John Woo, Gonzales e Il Buio. Per saperne di più ascoltate il disco sulla pagina Bandcamp in free download, leggetevi tutta la loro storia, dall’esperienza Black Flag Revival in poi, e magari se ne trovate una copia compratevi il vinile prodotto da una bella cordata di etichette/distro italiche. Ne vale la pena.

https://macinadischi.bandcamp.com/album/md12-laguna-di-satana

Che fine ha fatto la borghesia?

CRIMINAL PARTY
La Revolution Bourgeoise
(Downbeat & Pink House)

Criminal Party - La Revolution BourgeoiseDa che mondo è mondo i gruppi si prendono e lasciano come amanti impazziti. Non è una novità. I palermitani Criminal Party del tira e molla hanno quasi fatto una cifra stilistica. Dalla metà degli anni ‘80 ad oggi hanno cambiato pelle diverse volte, provando anche a fare il grande salto.
A trent’anni esatti dagli esordi tornano con un album garage rock d’antan che si rifà, per loro stessa ammissione, al punk californiano di fine ’70. Una sorta di concept sull’impoverimento della borgesia “che non riesce più ad avere il ruolo fondamentale nella società moderna, ruolo che ha avuto sin dall’ inizio della cosiddetta era moderna a partire da subito dopo la rivoluzione francese”, come strilla la nota stampa. Un pezzo come Wasted Life, ad esempio, è dedicato “a tutti gli imprenditori, che accerchiati dalle difficoltà economiche hanno deciso di farla finita”.

Rispetto il loro messaggio, ma in tutta sincerità me ne strasbatte il cazzo. A me interessa la musica e su questa vorrei dire due parole. Tanto per iniziare che le voci femminili di Lisjac e Vicky Jam si intrecciano bene dimostrando apprezzabili capacità melodiche (Join Us!, We Hate You) senza mai svaccare. Tuttavia, da uomo grezzo e binario quale sono, ciò che più mi piace è quando spingono sull’acceleratore facendoci entrare nel gorgo di furia iconoclasta che fu di Dianne Chai degli Alley Cats, Jennifer Miro dei Nuns ed Exene Cervenka degli X, ma anche di Pauline Murray dei Penetration e della nostra Lilith degli indimenticati Not Moving.
Regista della faccenda è Fabio Vinciguerra, fondatore del gruppo e autore delle musiche e dei testi, nonché produttore del disco. Le sue chitarre pennellano colorati quadretti ritmici con ghirigori psych e spruzzate fuzz nei punti giusti, giocando bene con i vuoti delle tastiere di Francesco Amato.
Al netto di una produzione che trovo un po’ levigata con le voci troppo in evidenza e dell’originalità che ha residenza altrove, La Revolution Bourgeoise è un buon disco.

QUARANTAQUATTRO DISCHI DEL 2016

Da un paio di mesi ho compiuto 44 anni. Ergo i 44 album, o mini album, che ho ascoltato di più nel 2016: non i migliori ma quelli che mi hanno tenuto compagnia meglio, in rigoroso ordine alfabetico. Le parole stanno a zero. Cliccate sui titoli abbottati (leggasi in corsivo-grassetto) e ascoltate i pezzi. Se qualcosa vi stuzzica non esitate a comprare il disco, meglio se in vinile.

 

The Barsexuals - Black Brown and White ALLAH-LAS Calico Review (Mexican Summer)
A MINOR PLACEThe Youth Spring Anthology (Lost Without Your Love)
AVVOLTOIConfessioni di un povero imbecille (Go Down)
THE BARSEXUALSBlack Brown and White (Disco Futurissimo/Dead Music)
BIG MOUNTAIN COUNTY / LAMESplit (Annibale Records)

 

Bikes - Bikes BIKESBikes (Alien Snatch!)
DAVID BOWIEBlackstar (Sony)
THE BRADIPOS IVThe Parteno-Phonic Sound of the Bradipos Four (Goodfellas)
BRONCHODouble Vanity (Dine Alone)
BT’sBustin’ Out (King Rocker/Southpaw)

 

William S. Burroughs - Let Me Hang You WILLIAM S. BURROUGHSLet Me Hang You (Khannibalism/Ernest Jenning Record)
CAFE RACERCafé Racer (Dumpster Tapes)
CHOKE CHAINSChoke Chains (Slovenly/Black Gladiator)
THE DEVILSSin, You Sinners! (Voodoo Rhythm Records)
THE FAT WHITE FAMILYSongs for our Mothers (Without Consent/Fat Possum)

 

Inutili - Elves Red Sprites Blue Jets THE GENTLEMENTSHobo Fi (Area Pirata)
THE HANGEE VUnderwater Serenades (Teen Sound)
HIS CLANCYNESSIsolation Culture (Maple Death/Tannen)
INUTILIElves, Red Sprites, Blue Jets (Aagoo)
JACK OBLIVIAN AND THE SHEIKSThe Lone Ranger of Love (Mony)

 

The Madcaps - Hot Sauce LEATHER TOWELIV (Aarght!/HoZac)
LUCYFER SAMLucyfer Sam (Area Pirata)
LUMPY & THE DUMPERSHuff My Sack (La Vida Es Un Mus/Anti Fade)
THE MADCAPSHot Souce (Howlin’ Banana)
MEET YOUR DEATHMeet Your Death (12XU Records)

 

The Murlocs - Young Blindness MIND SPIDERS ‎- Prosthesis (Dirtnap)
THE MURLOCSYoung Blindness (Flightless)
NANCYA Nice Package (Erste Theke Tonträger)
PERSONAL AND THE PIZZASPersonal And The Pizzas (Slovenly)
THE PUKESThe Revenge of… The Pukes (Dumpster Tapes)

 

Sleeping Beauties - Sleeping Beauties RAVI SHAVIIndependent (Almost Ready)
SANTA MUERTEBig Black Sister (MiaCameretta)
SAPINSmell of a Prick (Howlin’ Banana/Beast)
SEUSSSeuss (Autoproduzione)
SLEEPING BEAUTIESSleeping Beauties (In The Red)

 

The Sueves - Change Your Life SICK THOUGHTSLast Beat of Death (Goodbye Boozy/WITS)
SORGELa guerra di domani (La Tempesta)
THE SUBURBAN HOMES… Are Bored EP (Total Punk)
THE SUEVESChange Your Life (HoZac)
TERRYHQ (Upset! The Rhythm)

 

Uranium Club - All Of Them Naturals TY SEGALLEmotional Mugger (Drag City)
TOMY & THE COUGARSThis is Porn (Surfin’ Ki)
URANIUM CLUBAll of Them Naturals (Static Shock/Fashionable Idiots)
VANITYDon’t Be Shy (Katorga Works)

L’unico frutto del r’n’r è la banana

cover Trio BananaMi sa che la colpa è tutta di quel Warholaccio quando ha infilato la sua banana nello storico album dei Velvet Underground. O forse dei Pretty Things che, sempre nell’anno di grazia 1967, diedero vita al progetto parallelo The Electric Banana. Fatto sta che la Musa acuminata è diventata il frutto del r’n’r deviato ben prima di diventare l’unico frutto dell’amor scanzonato: The Bananas, Bananamen, Melt-Banana, Bad Banana, Black Bananas, ecc.
Anche nel Belpaese non ci siamo fatti mancare la nostra putrida banana r’n’r. Potrei parlarvi del singolo Banana rock di Clem Sacco datato 1959, ma lasciamo perdere. Meglio cianciare del TRIO BANANA, tre folli come gli unici tre che qui sopra a Rumore (chi vi scrive, Pecorari Scanio e quella gloriosa vecchia talpa di Frazzi) escono pazzi per i rifiuti solidi sonori della Bubca Records, l’etichetta del Trio. Tab_Ularasa alla sei corde e alla voce da tossicomane, Wolfman Bob al basso e Doctor Dead alla batteria srotolano tappeti polverosi di psichedelia come un venditore ambulante del Gran Bazar di Istanbul colpito da ictus e subito dopo persosi nella liturgia decrepita degli Spacemen 3 (I Can Find The Way In The Sky, Cactus). cover Lady BananaChi sbava per la roba della Sacred Bones e per lo shitgaze dopato farebbe bene ad avvicinarsi al Trio Banana partendo da In My Life, terzo e ultimo splendido pezzo di questo EP chiamato Arthur Dent come il personaggio uscito dalla penna di Douglas Adams.
Saliamo fino in Svezia dove il duo LADY BANANA scorrazza senza una meta precisa sul terreno del blues-punk in bassa fedeltà, tanto che più di qualcuno li ha accostati agli Oblivians. Per il feeling che hanno con la melodia slacker e per le potenti sgommate di hard feedback, invero ci trovo più similitudini con i coevi Bass Drum Of Death. In tal senso mi pare vada la title track di questo 7” EP su Frantic City Records, Adult Rock, così come la sforbiciata sonica dritto per dritto di Not Much Of A Man. Bel dischetto da apprezzare appieno ad alto volume.
cover The Cavemen VChiudo invitandovi a lasciarvi andare alle danze più sfrenate e selvagge con questo bel singoletto da juke-box dei THE CAVEMEN FIVE su Howlin’ Banana Records. Nel combo garage di Lione c’è gente che ha militato nei Slow Slushy Boys, uno delle neo Sixties band europee più sensuali e divertenti degli anni ’90. E ciò si sente sin dall’attacco di sax nell’originale Be My Cavegirl che, detto senza perifrasi, è un pezzone di garage’n’roll salterino in puro stile Sonics. Il livello non si abbassa nel lato B dove svetta They Prefer Blondes, cover di un vecchio singolo della Sixties garage-band di San Francisco The Banshees, di cui ricordo una versione altrettanto bella dei nostri B-Back.

Pezzo pubblicato su RUMORE #254 di giugno 2013.