Scimmie grasse di pizza

 

THE GREASE MONKEYS “Grease Blast!!!”
(Bronx Cheer Records)

The Grease MonkeysNel picture cd campeggia l’immagine di una pizza fumante di un tal Remo Crolla direttamente dalla Little Italy di Glasgow: partiamo bene, proprio bene! Cosa possono mai suonare questi Grease Monkeys? Electro, pop, wave, p-funk, lounge, exotica? No, si tratta di semplice e intramontabile rock and roll, meravigliosamente & maldestramente lo-fi (That’s What I Like), di quello che ti si appiccica al collo a mo’ di sanguisuga. Rock and roll imbastardito da massicce dosi di sixties garage e punk ’77 (vi dicono qualcosa Mudhoney e Thee Headcoats?). Rock and roll imploso su se stesso, fottutamente indolente e sgraziato, come un maggiolone imballato che tenta delle improbabili sgommate col freno a mano. Il resto di questo “capolavoro naif” lo fanno le voci monofoniche dei due chitarristi maschio & femmina che si incastrano come in un cazzo di tetris perfetto (Shoot ‘Em In The Back, I’m Not Sold) . Chi avrà palle e voglia di recuperare il disco – impresa ardua, ne convengo – si chiederà chi siano mai questi Chinese Millionaires coverizzati nella furiosa Ricky White e, forse, se ne sbatterà altamente che nei Monkeys c’è gente che ha militato nei Campus Tramps. Delucidazioni e reclami inviateli al direttore della rivista che stringete tra le mani. Nel primo caso, imploratelo di rimandare in edicola Bassa Fedeltà. Nel secondo, potete tranquillamente andare a fare in culo! You Know?

A quattro anni dalla stesura di questa recensione, che sarebbe dovuta andare a finire su Rumore, ancora mi chiedo come mai non sia mai stata pubblicata. Ce l’avevo sul gargarozzo ‘sta cosa, come una pizza ai peperoni che non vuole andare giù. Una pizza bella unta e succulenta come quella serigrafata sul cd.

Condividi sui social network