Il Record Store Day degli ultimi della provincia

Per il Record Store Day sono usciti nel Belpaese vinili speciali di Marlene Kuntz, Litfiba, Zen Circus, I Cani/Gazebo Penguins, ecc. ma qui, come sapete, c’interessano gli ultimi non i (presunti) primi. Nelle grandi città l’organizzazione dell’evento mi dicono essere stata ancora una volta carente e purtroppo in provincia, tranne qualche eccezione, non esistono più negozi di dischi. Pur tuttavia in provincia ci sono le energie. Come a L’Aquila dove a CaseMatte hanno organizzato una giornata coi fiocchi. cover DelawaterOppure a Teramo, la mia città, con gli amici DELAWATER che hanno scelto proprio il 21 aprile per l’uscita del loro 12” d’esordio. Un maxi EP di 7 pezzi, tra indie-rock e soave psichedelia pop, che non sfigurerebbe nel catalogo della Sarah o della Marina Records. Sono troppo di parte per aggiungere altro, scaricatevi gratis i pezzi (delawater.bandcamp.com) e se vi piacciono accattatevi il vinile.
cover Second H. SamAncora in provincia ma stavolta del nordest, all’Indie Record Shop di Mestre, è stato presentato il 7” di SECOND H. SAM targato Shit Music for Shit People. Proprio un bel dischetto con 4 ballate tossiche che mostrano le doti da crooner ombroso di Samuele Gottardello, già voce di piccoli-grandi gruppi quali John Woo, Hormonas e Buzz Aldrin. Occhio ché se amate Nick Cave e vi bagnate al solo pensiero di ascoltare un ibrido tra Elvis, Daniel Johnston e Syd Barret, Second H. Sam potrebbe diventare un’ossessione. cover The DancersRimaniamo in Veneto dove i giovani di belle speranze (più che mantenute) THE DANCERS hanno pubblicato un CD singolo urgente come una scorreggia, con tanto di bollino artigianale del RSD. Dato che le copie fisiche sono finite, correte sul sito thedancersmusic.com a scaricare i due pezzi di On The Road e abbandonatevi al ritmo indie-garage-rock della godibile title track e della riuscita cover dei Creation, Biff Bang Pow, storpiata a dovere anche nel titolo divenuto Big Bang Pow.
cover GonzalesA Pisa continua il gran lavoro della Surfin’ Ki Records che, tra le tante uscite di cui scriverò nei prossimi numeri, ha messo fuori ad aprile lo split 7” che vede combattere a colpi di granitico r’n’r due ottime band della provincia italiana. In Like Your Love Climbs i triestini GONZALES, come al solito, mettono il turbo e spingono sull’hard-glam sporcato dal proto-punk detroitiano senza sbandare di un centimetro. Da par loro gli spezzini KING MASTINO sono abilissimi (quasi emozionanti) nel plasmare e rendere personale una materia non facile come il r’n’r punk a cavallo tra i ’70 e gli ’80 dei Flesh Eaters e dei Gun Club più sonici, infilandoci dentro frammenti nostalgici di aussie punk. cover GiudaLa benemerita etichetta toscana, in coproduzione con una label tedesca e una giapponese, ha ristampato con diverse colorazioni di vinile, anche il 7” di Number 10 dei GIUDA. Se, come sostiene il gruppo romano, in Italia c’è un solo numero 10: Francesco Totti. Io aggiungo che loro sono gli indiscussi numeri 1 in quella adorabile miscela di glam-punk e pub-rock che fa dimenare sotto il palco come cretini all’ultimo stadio. Crazee, outtake dell’album capolavoro Racey Roller, ne è l’ennesima dimostrazione.

Pezzo pubblicato su RUMORE #243 di giugno 2012.

Condividi sui social network