il punk arranca ma non è morto!

flyer Road To Ruins

Sì, avete letto bene. Il punk arranca ma non è morto. Tra coloro che lo tengono in vita spicca quel folle di Pierpaolo che a Roma organizza la terza edizione del Festival Road To Ruins il 17, 18 e 19 novembre. Vecchi eroi incartapecoriti (Unnatural Axe, The Eater e Fast Cars) e giovani leoni affamati (The Spits e Neon Maniacs) si avvicenderanno sui palchi del Traffic e del Circolo degli Artisti. Più robusta del solito l’Armata Brancaleone italiana: assieme agli straordinari Taxi, i numeri uno indiscussi in Italy sul fronte ’77 punk che morde e accarezza, ci saranno Bonnie Parkers, Highschool Lokers, Black Circus Tarantula, Not Right e Super Sexy Boy 1986.

… a proposito di Super Sex Boy 1986 è davvero una gran botta il loro Detroit sound farcito di punk rancido e garage muscolare. Scommetto che sentiremo parlare di questi cinque giovinastri vicentini, titolari di un bel cd-r di 9 pezzi, che hanno tenuto alto l’italico vessillo su una recente compilation della label inglese Motor Sounds. Bene così, molto bene…

Super Sex Boy 1986
Condividi sui social network