Del cadere e del fallire: Guided By Voices e James Greer

Quello che mi ha sempre affascinato dell’Armata Brancaleone guidata da Robert Pollard, più della musica in sé, è la loro meravigliosa (anti)estetica da perdenti e cazzoni di serie A. Onestamente devo dire che i Guided By Voices non li seguo più da un po’, tuttavia avranno sempre un posto nel mio piccolo cuore indie rock. Ditemi voi come potrebbe essere altrimenti dopo aver visto la monumentale scrippella del bassista Greg Demos al David Letterman Show? Quasi quasi interrompo l’embargo e mi procuro l’album Let’s Go Eat The Factory che qualche mese fa ha segnato il ritorno, dicono in buono stile, della seminale band dell’Ohio.
A proposito di GBV segnalo con piacere (e grande curiosità personale) che a marzo la benemerita Quarup Edizioni pubblicherà Fallire, il secondo romanzo di James Greer che dei Guided By Voices è stato proprio il bassista tra il 1994 e il 1996 nonché l’estensore della biografia pubblicata nel 2005 Guided by Voices: A Brief History: Twenty-One Years of Hunting Accidents in the Forests of Rock and Roll. Aggiungo che Mr Greer nei ’90 è stato uno dei più rispettati critici rock di Spin… non proprio l’ultimo degli stronzi, insomma.

Condividi sui social network