100% Chicago punk’n’roll!

POISON BOYS

Poppin’ Eyes and Flashing Feet

(White Zoo)

Vengono da Chicago, suonano punk’n’roll dal forte sapore sleazy glam e questo bel pezzetto di vinile è il loro terzo 7” in tre anni. Potrebbe sembrare la solita roba da nostalgici e per nostalgici. Non è così, fidatevi. E lo dico io che tutto sono fuorché ‘sto gran appassionato di glam punk, genere che dopo un po’ mi gonfia i testicoli.

Tanto per esser chiari questi chicagoiani non si strofinano le unghie su boa di struzzo, dentro sono profondamente punk e anche un filo marci. In più hanno saputo tirar fuori un suono interessante, in equilibrio tra ruvidità e media fedeltà. Sul lato A piazzano il rockerollone Bustin’ Out che, come è giusto che sia in questi casi, nel finale svacca con le chitarre. Mi trovo più a mio agio con Run And Hide e con la sua sana disperazione r’n’r puntellata da un piano circolare molto Radio Birdman. Ma è questione di gusti.

Non si tratta di roba freschissima, in tutti i sensi: il 7” Poppin’ Eyes and Flashing Feet è uscito sul finire del 2018 ma, seppur tardiva, merita una segnalazione.. anche per dare il giusto tributo a Sergio della leccese White Zoo Records, nonché leader dei Bravata e titolare del negozio di dischi (e sogni) Disconutshot, che da anni fa un bel lavoro e raramente sbaglia un colpo.

Riciclare telescopi guardandosi le scarpe

AVERE TRENT’ANNI (DI SHOEGAZE)

Un paio di sere fa sono stato a vedere i Telescopes di Stephen Lawrie, dominus assoluto e penso unico superstite della formazione originale. Per originale intendo quella dello strepitoso debutto Taste: album, pensato e scritto da Stephen sotto Triptizol, che presi quando uscì nel 1989 (l’album non l’antidepressivo!). Io avevo 17 anni, Stephen ne aveva 20. Eravamo praticamente coetanei. Trent’anni dopo ci ri-incontriamo. Ed è ancora lui che viene a trovarmi, da galantuomo qual è. Nel 1989 entrava sotto forma di vinile nella mia cameretta di Via Savini, a Teramo. Nel 2019 arriva in carne e ossa e spirito al Sound di Via Fedele De Paulis, sempre a Teramo. Ora come allora una bella esperienza, breve, intensa, cosmica, acida al punto giusto. Per gran parte del tempo il cinquantenne Stephen se n’è stato ripiegato sul microfono o inginocchiato, con la testa bassa. Più shoegaze di così non ce n’è, insomma.

A proposito del guardarsi le scarpe, interrogandosi sulla scoloritura delle proprie Dr. Martens, mi è venuto da pensare a come lo shoegaze si è evoluto, i sentieri che ha preso e che sta prendendo. Così mi è tornato in mente Pink Cloud, l’EP d’esordio del progetto chiamato Launder, pubblicato un anno fa da Day Wave, l’etichetta personale di Jackson Phillips/Day Wave. Un bell’EP che, rispetto alla scura claustrofobia circolare dei Telescopes, rappresenta la faccia abbronzata e multicolor dello shoegaze. Post punk smorzato da un caldo e avvolgente vento dream pop, maturato all’ombra delle palme di Los Angeles via Dana Point: la città di origine di John Cudlip, in arte Launder. A far sentire meno solo il nostro, ci ha pensato la cantante e attrice francese SoKo che doppia la voce e si prende tutta la scena in Keep You Close piena com’è di delicata malinconia 4ADiana. Nient’affatto secondario l’apporto di una altro sognatore dei giorni nostri: Zachary Cole Smith di Beach Fossils e DIIV, che presta la sua nebulosa chitarra shoegaze (e ci risiamo!), facendo più che degnamente il suo senza mai strafare.

PS: da un paio di mesi è uscito Powder, il nuovo 7” di Launder, su House Arrest Distribution.

Ferro (non è) Solo

FERRO SOLO
Almost Mine: The Unexpected Rise and Sudden Demise of Fernando
(Riff/Fernando/Area Pirata/Deambula)

L’improvvisa scomparsa di Fernando è un concept r’n’r che, come quei libri antichi di un certo valore (affettivo e non solo), vanno tenuti in bella mostra nella credenza buona per vantarsene con i conoscenti. Più che azzeccato, quindi, l’artwork di copertina in stile Adelphi che mi fa pensare un po’ al mondo antico di Sir Billy Childish.

A differenza dell’amico Luca Calcagno che ha scritto: “Ferro Solo sembra il nome di un rapper di infimo valore e ciò rappresenta l’unico neo di un disco bellissimo”, mi piace anche il monicker che Ferruccio Quercetti dei Cut si è scelto per il suo progetto in solitaria. Mi piace perché cela qualcosa di molto più intimo e profondo di quanto l’evidente gioco di parole possa far pensare. Che poi Ferro è Solo per modo di dire, circondato com’è da amici di vecchia data, tra membri di Jule’s Haircut (Luca Giovanardi e Andrea Rovacchi), Three Second Kiss (Sergio Carlini), Chow (Riccardo Frabetti) e i Giuda al completo nella bombetta superglam He Spies.

L’album è di una varietà sorprendente. Un consuntivo brillante. Perché quando in musica tiri le somme queste sono inevitabilmente il risultato dei tuoi ascolti. E Ferruccio ha vissuto, vive e scommetto vivrà fino alla fine dei suoi giorni con la musica e per la musica: la nostra piccola-grande musica.

Acceca l’arcobaleno di suoni e umori dispiegato da Ferro e sodali che passano con naturalezza, verace passione – e direi gran manico – dalla cupezza suicideiana di Got Me A Job a ballate pianistiche da caminetto acceso come Perfect Stranger e Gala. Oppure, in un amen, dalla New York di Lou Reed all’Inghilterra autunnale di Lloyd Cole in This Daddy’s Girl e Almost Mine. Glielo detto anche di persona a Ferruccio che a me ricorda molto Billy Bragg ed è bello, chiudere gli occhi mentre va Doppelgänger … chiudere gli occhi e fantasticare che Stephen William Bragg stia rintanato in un’umida sala prove di Belfast a sudare assieme agli Stiff Little Fingers.

Otto tondo tondo e album che va dritto come una spada nella cinquina dei dischi italiani dell’anno.

Quella stella blu che fa cucù

ALEX LOGGIA
Bluestar
(Area Pirata)

Non mi sono mai piaciuti gli Style Council. Mike Talbot c’aveva la faccia del salumiere sotto casa e Paul Weller lo vedevo come un traditore imborghesitosi male. Per anni ho schifato la copia in vinile gatefold di Our Favourite Shop che un bel giorno trovai in mezzo alla mia collezione, comprata da mio fratello chissà dove e chissà perché. La stessa copia, praticamente nuova, che in questa tiepida giornata di fine estate sta girando sul mio piatto mentre fumo e scrivo. E non mi sta dispiacendo.

Ecco. Bluestar mi fa pensare agli Style Council, ma con più chitarre e i Sixties tatuati dietro la schiena. Sto parlando di un album che scalda e rinfresca allo stesso tempo. Un album definitivo (per l’autore), il tipico album dove ti lasci andare e metti in fila le passioni di una vita, tutti i tasselli di una carriera, bussando ai generi musicali che ti hanno fatto battere il cuore fin da ragazzo.

La immagino così la genesi del debutto solista dello storico chitarrista degli Statuto, produttore e molto altro. Alex Loggia infila quattordici pezzi di pop soul, beat, funk, rock blues, r&b e rocksteady il cui comun denominatore è l’eleganza, in fase di composizione e di arrangiamento.

A vestire le canzoni assieme a lui una banda di sarti dalle mani esperte: il pard mod Oskar Giammarimaro, Madaski degli Africa Unite, il sommo Tony Face, Andy Macfarlane di Hormonauts e Rock’n’Roll Kamikaze, diversa gente che ha cucito musiche con Bluebeaters, gli stessi Statuto, Four by Art, Blind Alley, ma anche con Finardi e De Gregori.

L’unico difetto di Bluestar è quello di esser tardivo: poteva e doveva uscire prima. Un vinile da tenere con cura, magari a fianco di quelli degli Style Council che ora non schifo più. Perché, per quanto si possa resistere, sta scivolando via la gioventù.

I chiari di luna di Lars

LARS FINBERG
Moonlight Over Bakersfield
(In The Red)

A fine 2017 è uscito come un fulmine a ciel sereno il primo album di Lars Finberg, l’uomo dietro A-Frames e Intelligence: due band che ho amato molto per la capacità di prendere il post-punk e cucinarlo a bagnomaria nel lo-fi con la maestria di cuochi stellati e l’impudenza nervosa di Mark E. Smith dei Fall. Non è un caso che nel 2000 il nostro abbia messo su una piccola etichetta battezzata Dragnet Records.

Sfuggendo dalle facili classificazioni, nel corso del tempo Lars Aldric Finberg si è creato una cifra stilistica precisa e riconoscibile. È un artista curioso, aperto alle collaborazioni e mai troppo sicuro di se stesso (diciamo anche un po’ depresso), il che me lo rende simpatico a prescindere. Per dire: è uno che ha messo lo zampino negli Oh Sees, di recente si è ributtato nell’interessante collettivo Puberty e per questo esordio solista si è affidato a Ty Segall di cui ha detto: “Mi si sono storte le dita per quante tastiere mi ha costretto a suonare e gli avrei strappato volentieri un ciuffo di capelli quando sparava il mix in cuffia a volume esagerato. A parte questo, durante la lavorazione dell’album ci siamo fatti un sacco di risate e vedere Ty con una grande tazza di cacao in mano seduto su una comoda sedia di legno ha reso l’atmosfera molto rilassata”.

Moonlight Over Bakersfield, per chi se lo stesse chiedendo, è il suo album “cantautorale”, intendendo l’aggettivo tra mille virgolette. Una roba art lounge no wave punk, tastierosa, bizzarra e stretta nella morsa della malinconica: penso a pezzi gonfi di spleen come Iffy Love dove Ty Segall presta la voce o alla rarefatta Ambiverts che squarcia il cielo plumbeo con una batteria tonante e chitarre stratificate. Ma d’altronde, come detto in apertura, Lars ha sempre imboccato percorsi trasversali. Ascoltando l’interludio Myopic Blue Heaven ho subito pensato a dei Tame Impala sotto metadone in overdose di vocoder; con la conclusiva Alone Alas si è materializzata di fronte ai miei occhi miopi la gustosa immagine di Kevin Parker preso a calci nel culo da quel vecchietto di Ennio Morricone. In Born Shopping irrompono nientemeno che i B-52’s per via della voce di Lauren Marie Mikus. Blaxploitation, surf, sirene mediche, bassi pulsanti e melodia dilatata fanno di Empty Network un gran pezzo. Isle Of Lucy spinge con chitarre ovali a tutto fuzz e, ancora, la voce di Ty. A proposito del biondino californiano, c’è pure Mikal Cronin al sax elefantiaco in Benevolent Panic e nel pezzo d’apertura Permanent Prowl.