Bebe Rebozo chi?

Bebe Rebozo band

BEBE REBOZOVoglio essere un ninja e vivere nell’ombra

(Furt Core)

Allora: Steve Albini si va a fare una vacanza a Malibu e tra una bibita ghiacciata, delle sventole in bikini, qualche nuotata refrigerante e pomeriggi passati a sonnecchiare all’ombra delle palme, s’imbatte in una specie di Dancing all’aperto dove tre ceffi dall’aria simpatica imbracciano chitarra, basso e batteria e ci danno dentro sputando rabbia e schizofrenica ironia su un granitico tappeto post-punk. Se ne sta lì ad ascoltarli mimetizzato tra i pochi presenti. Ne rimane talmente colpito che decide di tornarli a trovare. Poi la vacanza finisce e si ributta nei suoi impegni di lavoro con la cassettina di questa band che non smette di gracchiare nella sua autoradio. Qualche tempo dopo, straconvinto di produrli, decide di farli ascoltare al suo amico John Zorn che non si fa pregare più di tanto a mettere mani ed anima nel pezzo che poi diventerà bagigalupoballarinmarosogrezarrigamonticastiglianomentiloikgabettomazzolaossola (l’imbattibile formazione del Grande Toro!). Fin qui tutto bene, se non che invece di Malibu ci troviamo a Roseto degli Abruzzi. Al posto di Steve Albini ci sta Marco Sigismondi (storico leader della 80’s hard core band Digos Goat) e John Zorn non è altri che Giustino Di Gregorio che, proprio per la Tzadik di Zorn, ha inciso un grande album dal titolo Sprut. Poco male! Resta il fatto che gli abruzzesi Bebe Rebozo hanno finalmente registrato un album maturo, certamente americano nelle atmosfere ma per molti versi (il cantato?) italiano fino al midollo. La contagiosa paranoia di Voglio essere un ninja e vivere nell’ombra, la quasi disco-noise Cowboy Light, l’ansiogena marzialità di My Dad Is Fucking Republican e la poesia punk di E’ un attimo cantata da Sigismondi stesso, ne sono la prova lampante.

Questa recensione è apparsa su Mood # 007 in un qualche mese del 2002. Mi piaceva iniziare a riproporre le cose già pubblicate proprio dai Bebe Rebozo per orgoglio territoriale (i ragazzi vivono a un tiro di schioppo dalla mia città) ma anche perchè i Rebozi suonavano un noise magnificamente indigeribile e soprattutto non di maniera. So che i 2/3 sono impegnati in un nuovo progetto. Non vedo l’ora di ascoltarlo e parlarvene.

 

Condividi sui social network